Fabio Stassi – La lettrice scomparsa

Fabio Stassi – La lettrice scomparsa

2 min read

(di Dario Brunetti)

la-lettrice-scomparsa-fabio-stassi-768x506Vince Corso è un ex insegnante precario, nato a Nizza da una fugace relazione tra una cameriera italiana e uno sconosciuto a cui manda ogni tanto una cartolina all’indirizzo di un albergo. L’unica sua eredità sono tre libri, che segneranno l’esistenza dello stesso Vince.

Lo stesso Vice si inventa un nuovo lavoro come biblioterapeuta, che consiste nel curare la gente, soprattutto donne in realtà,  con la lettura di Heminguay, Jorge Amado, Raymond Chandler e altri mostri sacri della letteratura. Il tutto, fissando come base una soffitta romana di Via Merulana.

Intanto qualcosa accade in queel condominio: scompare la signora Parodi, inquilina del piano di sotto, e Vince Corso non resterà a guardare, anzi si getterà a capofitto nelle indagini. Inizialmente i sospetti  cadranno sul marito ma si scoprirà una realtà totalmente diversa e fuori dall’immaginazione, e sarà lì che la storia inizierà a tingersi di giallo.

Fabio Stassi scava entrando nei meandri della letteratura e del suo significato più profondo tramite la riscoperta di grandi scrittori del passato, rivelando cosa effettivamente la letteratura può offrire al lettore e in quale magico mondo lo può portare. Lo fa creando un personaggio come quello di Vince Corso, che prescrive libri come fossero medicine, ma si riveleranno vere e proprie terapie dell’animo umano e, addirittura serviranno come strumenti per la risoluzione di un delitto.

Un romanzo che al lettore occasionale può risultare forse poco eccitante, facendolo rimanere a galla, mentre credo che il lettore accanito ne sarebbe più coinvolto, più facile a essere condotto nell’affascinante mondo della poesia e della letteratura, portandolo in profondità e mettendolo alla prova sulle sue capacità analitiche, Perché Stassi fa si che il lettore possa rispecchiarsi nella letteratura. E lo fa mettendo semplicemente a nudo le sue sofferenze e debolezze.
Un libro sperimentale e introspettivo, in cui letteratura e vita si guardano allo specchio interrogandosi e analizzandosi a vicenda.

dariovillasanta

Related Posts

Come ti scrivo un bacio

Come ti scrivo un bacio

Sciascia e Dostoevskij: così lontani, così vicini. La ‘Metafisica del sottosuolo’ di Antonina Nocera

Sciascia e Dostoevskij: così lontani, così vicini. La ‘Metafisica del sottosuolo’ di Antonina Nocera

Non è un Paese per mamme: la maternità moderna secondo Angela Langone

Non è un Paese per mamme: la maternità moderna secondo Angela Langone

Contestare Umberto Eco? Si può. ‘La rosa e il suo doppio’, di Loriano Machiavelli

Contestare Umberto Eco? Si può. ‘La rosa e il suo doppio’, di Loriano Machiavelli

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.