L’inchiesta giornalistica secondo Tommaso Nelli-Pt.1 (Atto di dolore-inchiesta sul caso di Emanuela Orlandi)

L’inchiesta giornalistica secondo Tommaso Nelli-Pt.1 (Atto di dolore-inchiesta sul caso di Emanuela Orlandi)

3 min read

(video intervista di Dario Villasanta)

INFORMAZIONE O SENSAZIONE? THAT IS THE PROBLEM! Quando su un caso di cronaca nera il sensazionalismo soffoca l’informazione reale.

Intervisto qui Tommaso Nelli, giornalista d’inchiesta freelance autore di ATTO DI DOLORE, un ‘inchiesta impietosa e sconvolgente, sulle verità taciute o mai trovate sulla scomparsa dell’adolescente romana Emanuela Orlandi, su cui nei decenni sono piovute illazioni di ogni sorta, da Gladio alla banda della Magliana, ecc. Tra silenzi rumorosi e mezze verità, Nelli ha usato un setaccio nel quale restano ancora schegge di verità che non danno pace e rendono, ai giorni nostri, inspiegabile e inconcepibile la sparizione di una ragazzina qualunque, come se fosse volata via, e la difficoltà di raccontarlo a chi allora non era ancora nato. Questa è la prima parte dell’intervista all’autore di questa difficile inchiesta, e non lesina dettagli su come sia complicato non solo condurre inchieste, ma distinguere tra informazione e sensazionalismo o addirittura ‘fake news’, che una volta oggi chiamavamo più semplicemente ‘balle’. Quanto poi al caso Orlandi, beh ascoltatelo a volume alto anche se non potete guardarci, perché l’importante sono le parole e, lui più di altri, sa come si può fare per poter ‘leggere oltre le storie’.

ATTO DI DOLORE – Errori investigativi, testimonianze inedite e documenti desecretati.

 

Emanuela Orlandi. Un nome, un mistero. Lungo trentacinque anni e in grado di sopravvivere a ben due inchieste giudiziarie a causa delle fitte zone d’ombra che ancora oggi lo avvolgono. A cominciare dalla mancata identificazione dell’ultima persona che la vide pochi attimi prima che sparisse per sempre: un’allieva della sua stessa scuola di musica.

Questa lacuna, la più grave nell’enigma dell’adolescente vaticana, induce a chiedersi: perché la sua scomparsa è trasfigurata in uno dei tanti intrighi dell’Italia repubblicana? È davvero impossibile sapere ciò che le successe in quella drammatica serata romana del 22 giugno 1983? Quanto si scavò nei suoi universi sociali e ambientali? Come mai per lei si scomodarono i servizi segreti? Ebbe davvero un ruolo la Banda della Magliana? E infine: perché il Vaticano innalzò fin da subito un muro di silenzio su quanto accaduto a questa sua cittadina?

Frutto di un’inchiesta sul campo e a tavolino, in un viaggio tra documenti inediti e persone mai ascoltate dagli inquirenti, questo libro, affrontando sopraffini depistaggi, cinematografici “supertestimoni” e omertose reticenze, illumina versanti della vicenda mai esplorati configurandosi come una bussola per arrivare alla verità. Una meta ancora possibile nonostante l’enorme lasso di tempo trascorso. Perché molto più vicina di quel che può sembrare.

Chi è Tommaso Nelli:

Tommaso Nelli è nato a Pisa il 25 ottobre 1982 ed è giornalista freelance. Laureato in “Editoria e Scrittura (Giornalismo)” alla facoltà di “Lettere e Filosofia” dell’Università di Roma “La Sapienza” con una tesi sperimentale in giornalismo d’inchiesta sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, sul caso della giovane cittadina vaticana ha scritto per “Infiltrato.it”, “T-Mag.it”, “Cronaca&Dossier.it” e “Articolo21.org”. Fra le sue collaborazioni, anche “Reset DoC”, “Sportevai.it” e “IoGiocoPulito.it” (rubrica de Il Fatto Quotidiano). Atto di Dolore è la sua prima pubblicazione, oggi in ristampa con contenuti aggiornati e inediti.

 

Se vuoi contattare l’autore per ricevere una copia del libro con dedica, scrivi nel form qui sotto:

 

 

 

 

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

 

dariovillasanta

Related Posts

La cultura a scuola: come si fa? Pt.2: la teoria

La cultura a scuola: come si fa? Pt.2: la teoria

Cibo & sesso nei libri: ma quando mai?

Le persone istruite si sopravvalutano

Le persone istruite si sopravvalutano

‘Don’t cry for me Argentina’: Vincenzo Maimone, un Filosofo a Baires

‘Don’t cry for me Argentina’: Vincenzo Maimone, un Filosofo a Baires

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.