Che auguri potremmo darci? Massimiliano Santarossa lo ha scritto per noi

Che auguri potremmo darci? Massimiliano Santarossa lo ha scritto per noi

1 min read

(di Massimiliano Santarossa)

Auguro a tutti e a ciascuno, a chi voglio bene e a chi conosco, agli amici e ai tantissimi Lettori, molti divenuti anch’essi amici, auguro un nuovo anno di Resistenza e di Ricostruzione.

Perché sappiamo bene che ancora per mesi dovremo Resistere a varie difficoltà, non solo conviverci, ma ancora Resistere, e tuttavia sappiamo anche che verrà presto il tempo di Ricostruire.

L’Italia, gli italiani, nella Storia ci son passati molte volte e ora tocca a noi, alla nostra generazione, nel nostro tempo.

Auguro a tutti, nel proprio mestiere, nella propria quotidianità, nelle proprie relazioni, nelle proprie passioni, appunto il coraggio della Ricostruzione. Che è sempre il coraggio più grande: rifare se stessi, rifare il luogo dove si vive, rifare cioè la vita.

Per quanto mi riguarda, maggiore sarà l’impegno mio nella cultura, nella letteratura, nel lavoro editoriale, nella pubblicazione di ciò che scrivo e così negli incontri e discussioni, pubblici, di persona, assieme a voi.

Ancor più convinto che nasce sempre e solo dalle idee, e dal confronto, il Futuro.

Auguri per l’anno nuovo.

 

Dario Villasanta

Related Posts

Dov’è finito il bello da trasmettere? Dialogo sull’arte con Ippolita Luzzo

Il senso di Marco per la ‘rece’, ovvero: cos’è e come va fatta una recensione secondo Marco Patrone

Lettera a Dostoevskij

Lettera a Dostoevskij

Dante si sta rivoltando nella tomba? Lingua e linguaggio di oggi secondo Antonina Nocera

Dante si sta rivoltando nella tomba? Lingua e linguaggio di oggi secondo Antonina Nocera

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.